menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Troppo caldo? Gli sparaneve per rispondere al clima da record

In Val Palot, Valcamonica, i cannoni sparaneve utilizzati per schizzare acqua gelida per rinfrescare la vallata: l'originale trovata per combattere le temperature record di un luglio mai così caldo da decenni

La soluzione al caldo torrido di un luglio da record? I cannoni sparaneve convertiti per l'occasione a spara-acqua. Succede in Val Palot, in Valcamonica a salire sopra Pisogne, dove i gestori delle piste da sci negli ultimi giorni hanno fatto un tentativo: e in effetti ha funzionato.

I cannoni sparaneve sono stati direzionati dall'alto verso il basso, caricati di acqua vaporizzata: l'effetto è simile – ma ovviamente ingigantito – a quello dei ventilatori che 'umidificano' gli ambienti spruzzando piccolissime gocce d'acqua fresca.


Pare che le temperature, almeno quelle percepite, siano calate al punto giusto, e abbiano permesso ai numerosi turisti di respirare almeno un po'. E la risposta 'tecnologica' al caldo torrido sembra abbia trovato un ottimo riscontro, tanto da poter essere replicata anche nelle prossime settimane.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Sport

    Super-G junior: c'è un ragazzo bresciano sul tetto del mondo

  • social

    Le vere origini della Festa della Donna

Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento