Cronaca

Tempesta nella notte: frane e fiumi straripati, paese in ginocchio

Non si contano gli interventi nella notte in Alta Valcamonica, in particolare a Ponte di Legno: qui sono state salvate anche due persone

Foto d'archivio

Un'altra notte da incubo per i residenti dell'Alta Valcamonica, a poche settimane dalle tempeste di inizio e metà luglio che avevano già flagellato gran parte del territorio bresciano. I temporali in realtà erano stati annunciati, ma nessuno si sarebbe mai potuto immaginare la furia con cui il cielo ha scaricato fiumi d'acqua, dalle 20 in poi.

Video: le immagini del disastro

Al momento il paese più colpito sembra essere Ponte di Legno: qui è esondato il torrente Arcanello, il corso d'acqua che scende dai laghi di Ercavallo. Ha allagato strade e abitazioni, danneggiato edifici: come un fiume in piena ha travolto in particolare la zona delle Case di Viso e delle Case Sparse.

Interventi in tutto il paese: salve due persone

Due persone sono state soccorse dai volontari della Protezione civile e dai Vigili del Fuoco, impegnati su più pronti con squadre, uomini e mezzi di Darfo Boario Terme, Edolo, Ponte di Legno e Vezza d'Oglio: una donna rimasta intrappolata nella sua auto e un uomo che invece era rimasto intrappolato in casa. 

Nel frattempo è stata chiusa al traffico anche la Strada provinciale 29, l'ex Statale 300 che porta al Passo del Gavia: è stata in parte travolta dal fango e dai detriti, e in parte da una vasta frana (da decine di metri cubi di materiale, caduto dalla montagna) che ne ha inevitabilmente spezzato la circolazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tempesta nella notte: frane e fiumi straripati, paese in ginocchio

BresciaToday è in caricamento