Valcamonica: bracconieri abbattono due falchi dell’Adamello

Due morti in pochi giorni, impallinati da ignoti cacciatori: niente da fare per una coppia di sparvieri, una specie di rapaci della 'famiglia' dei falchi considerata protetta a livello europeo

Il parco camuno dell’Adamello ‘piange’ l’uccisione ingiustificata di due sparvieri, falchi ‘tipici’ della zona montana europea che sono stati impallinati nelle scorse settimane da due cacciatori non ancora identificati.

Una doppia ferita, in pochi giorni, che ha provocato la loro morte dopo una lunga agonia. Colpiti più volte, con un fucile da caccia a pallini, ritrovati quasi esanimi dalle guardie del parco e dalla Polizia Provinciale, prima a Losine e poi a Cerveno.

Inutili i disperati tentativi di salvar loro la vita, operati dal Centro Recupero Animali Selvatici con sede a Paspardo. Ora si indaga, per capire il motivo di un gesto così vigliacco, nei confronti di una specie considerata protetta a livello europeo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento