Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Stroncato da un malore improvviso, il funerale viene interrotto per un guasto

Renato Mazzotti è morto a 60 anni, stroncato in pochi giorni da un male improvviso. Il suo funerale, che si è celebrati mercoledì, è stato bruscamente interrotto da un guasto, scatenando la rabbia dei parenti

immagine d'archivio

Un disguido nel momento più doloroso della cerimonia funebre, l'introduzione della bara nel loculo. I maldestri tentativi di porre rimedio al guaio davanti agli occhi increduli di amici e parenti, che hanno scatenato la rabbia e le proteste dei famigliari di Renato Mazzotti, stroncato a 60anni da una male improvviso. 

L'episodio - raccontato dal quotidiano Bresciaoggi - si è verificato mercoledì al cimitero di Urago d'Oglio: il carrello elevatore, che avrebbe dovuto issare la bara fino al loculo prescelto, si è improvvisamente bloccato. Momenti di imbarazzo e di confusione: i tecnici hanno provato a sistemare la cassa manualmente, ma il tentativo non è andato a buon fine.

Quindi la decisione di depositare la bara in uno dei loculi temporaneamente vuoti, ma destinato ad ospitare un'altra salma. La soluzione sbagliata - il feretro avrebbe dovuto essere portato nella cappella mortuaria - che  ha irritato i famigliari del 60enne, i quali si sono rivolti al sindaco per ottenere la degna sepoltura del loro congiunto e, soprattutto, per evitare che altri spiacevoli simili episodi si ripetano in futuro. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stroncato da un malore improvviso, il funerale viene interrotto per un guasto

BresciaToday è in caricamento