Ubriaco, tenta di sfondare a calci e pugni la porta di casa della ex

Ad evitare il peggio l'intervento di un vicino di casa della donna

Foto d'archivio

Si è presentato a casa della ex compagna pretendendo di vedere il figlio. Al secco rifiuto della donna, l'uomo ha perso la testa: ha scagliato una raffica di calci e pugni sulla porta dell'abitazione della donna. Solo il tempestivo intervento del vicino di casa ha evitato che l'uomo sfondasse la porta e facesse irruzione nell'appartamento. Si è allontanato, ma solo temporaneamente, mentre la donna - una 50enne di casa nel centro di Desenzano- chiedeva aiuto ai militari. 

I carabinieri, giunti sul posto in pochi minuti, hanno notato la porta dell’appartamento danneggiata dai calci e dai pugni scagliati dall'uomo. La 50enne, terrorizzata, ha raccontato la lunga serie di maltrattamenti che aveva subito prima di decidere di mettere fine a quella convivenza da incubo. Proprio mentre la donna denunciava l'accaduto, l'ex è tornato sui suoi passi: nemmeno la presenza dei militari lo ha trattenuto, anzi, avrebbe dato di nuovo in escandescenza. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per lui sono quindi scattate le manette, per il reato di violenza privata e danneggiamento. Sottoposto a rito direttissimo - ovviamente in videoconferenza- il giudice ha convalidato l’arresto,  disponendo il divieto di dimora nel comune di Desenzano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Colpo di pistola in Commissariato: agente muore dopo il trasporto in ospedale

  • Abbandonata dal marito, chiedeva l'elemosina in paese, è stata uccisa dal figlio che avrebbe dovuto proteggerla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento