Cronaca

Galeotto fu l’autostop: violenta rapina, coltello alla gola

Brutta disavventura per una coppia di turisti tedeschi in vacanza sul lago di Garda, rapinati a Salò da due autostoppisti: coltello alla gola per portafogli, cellulari e pure la macchina. Indagano i Carabinieri

Foto d'archivio

Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio. Un vecchio detto purtroppo mai così azzeccato, a poche ore dall’episodio che ha coinvolto una coppia di turisti tedeschi in vacanza sul lago di Garda: hanno dato un passaggio a due autostoppisti, sono stati minacciati con un coltello e poi rapinati, costretti pure a lasciar loro la macchina, poi ritrovata in Valsabbia.

E’ successo mercoledì mattina a Salò, poco prima delle 6: i due turisti si fermano al ciglio della strada per far salire i giovani autostoppisti, entrambi italiani. Non appena saliti in auto hanno estratto un coltello, hanno costretto gli stranieri a guidare fino a Villanuova, si sono impadroniti della macchina oltre che dei loro portafogli – il bottino è ancora da quantificare – e dei cellulari.

L’auto è stata ritrovata poche ore più tardi dai Carabinieri di Gavardo. I rapinatori si sono dati alla macchia, i turisti – alquanto scossi – altro non hanno potuto fare che riferire la loro testimonianza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Galeotto fu l’autostop: violenta rapina, coltello alla gola

BresciaToday è in caricamento