menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Un chilometro di tubi dell'acquedotto in cemento-amianto da sostituire al più presto

A Desenzano del Garda, un'interrogazione della consigliere Giustina Bonanno, punta l'attenzione sulla presenza di tubature dell'acquedotto realizzate in cemento-amianto: "Rischio contaminazione dell'acqua"

Circa un chilometro di tubature dell'acquedotto in cemento-amianto nel sottosuolo di Desenzano del Garda. Ad accendere i riflettori sulla presenza di condotte realizzate con il pericoloso materiale, è un'interrogazione presentata dalla consigliere Giustina Bonanno della Lista Righetti.

Il documento, che mira a ricevere una risposta dall'Amministrazione nel corso del prossimo consiglio comunale, mette in evidenza quanto rilevato nell'ultima ricognizione effettuata da Aato Brescia che, pur riscontrando l'ininfluenza di quel tratto sulla salubrità dell'acqua, ne consiglia comunque la sostituzione.

"Ho presentato un'interrogazione al sindaco e agli assessori ai lavori pubblici ed ecologia  - ha scritto Bonanno - per sapere quale sia la situazione attuale, e a che punto è il processo di sostituzione delle suddette tubazioni e se esita un cronoprogramma per il completamento dell'attività".

"Sottolineo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità considera la casistica della presenza di amianto nelle tubazioni acquedottistiche come possibile fonte di contaminazione delle acque distribuite, - ha aggiunto - credo quindi sia necessario intervenire sulla questione avendo un piano di azione definito, senza inutili allarmismi ma senza neppure ignorare o rimandare all’infinito".

"La mia interpellanza - ha concluso - ha lo scopo di stimolare l’amministrazione a prendere in seria considerazione la questione e in generale a non trascurare le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria dell’acquedotto. Infatti è una questione troppo spesso ignorata, poiché non visibile e di scarso ritorno mediatico: dei sottoservizi ci si ricorda solo quando non funzionano, altrimenti si danno per scontati".

La situazione non riguarda però solo Desenzano. Nel piano d'ambito di Aato Brescia sono stati segnalati, nell'intera provincia, 78 chilometri di tubazioni in cemento-amianto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento