Cronaca

Vendevano password di bancomat e carte di credito: sotto sequestro 21 siti web

Bloccati e oscurati ben 21 siti web: in vendita dati sensibili di centinaia di migliaia di utenti

Un supermercato virtuale di dati sensibili, password e accessi ai servizi di home banking, bancomat e carte di credito clonate pronti all'uso: la Guardia di Finanza ha posto sotto sequestro 21 siti web (già oscurati) che fornivano appunto materiale illecito previo pagamento in bitcoin, moneta virtuale non tracciabile e attiva ormai da quasi un decennio.

Tutti e 21 i siti internet operavano diffondendo illecitamente dati utili per compiere frodi informatiche di tipo patrimoniale: l'intricato ma purtroppo efficace meccanismo è stato smascherato dal Nucleo di Polizia Tributaria di Brescia, le indagini coordinate dalla Procura.

Il decreto di sequestro preventivo è stato notificato a 75 Internet Service Provider attivi in Italia. Indagini non facili: i domini web rendevano disponibile (per l'acquisto) un vastissimo numero di carte di credito clonate, credenziali per l'accesso a servizi di home banking di clienti di vari istituti bancari, le modalità da seguire per ottenere illecitamente denaro attraverso i circuiti di money transfer.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vendevano password di bancomat e carte di credito: sotto sequestro 21 siti web

BresciaToday è in caricamento