Lei innamorata, lui truffatore: la deruba di oltre mezzo milione di euro

A processo il 60enne Roberto Giorgio Belotti, accusato di circonvenzione di incapace: la vittima una donna che sarebbe stata costretta a consegnare 500mila euro

Foto di repertorio

Fingendosi un ricco ereditiero che a breve sarebbe stato ancora più ricco, e quindi in grado di restituire fino all'ultimo centesimo, avrebbe convinto una povera donna (che era ricca davvero, almeno fino a quando non ha consegnato tutto al suo aguzzino) a farsi prestare più di mezzo milione di euro, costringendola a vendere quadri, proprietà, investimenti, perfino una pepita d'oro. Ma di questi soldi ormai non c'è più traccia.

Circonvenzione di incapace

E' finito a processo, scrive il Giornale di Brescia, con l'accusa di truffa e circonvenzione di incapace: il bresciano truffaldino è il 60enne Roberto Giorgio Belotti, residente a Chiari, e i fatti risalirebbero al 2013. Solo tre anni più tardi il marito della donna truffata, titolare di una nota gelateria e appunto ancora sposata, si accorgerà dell'inganno e denuncerà l'accaduto.

Belotti rischia diversi anni di carcere, anche se in sua difesa si dichiara innocente: a detta dell'uomo, la donna sarebbe stata davvero innamorata di lui, e quei soldi gli sarebbero stati regalati. Circostanza che non ha convinto gli inquirenti: la donna truffata, sottoposta a perizia, è risultata affetta da una sindrome paranoica.

La truffa e il processo

In pochi anni, a detta invece dell'accusa, Belotti si sarebbe fatto consegnare più di 500mila euro. Tutto è partito con un prestito di pochi centinaia di euro: poi sono diventati migliaia, decine di migliaia e centinaia di migliaia. Un incubo sempre più profondo per la donna: i legali della famiglia riferiscono di come sia stata costretta a vendere tutto quello che aveva, per continuare a elargire denaro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche un'amica della donna truffata è stata chiamata a deporre al processo: le avrebbe prestato circa 1500 euro, soldi che poi lei avrebbe consegnato subito a Belotti. Tra le testimonianze eccellenti anche l'assessore Marco Fenaroli: al 60enne aveva consegnato le chiavi di una sede di partito, che lui apriva e chiudeva in cambio di denaro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schiacciati da mutuo e prestiti, due figli a carico: cancellati debiti per 267mila euro

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Crolla il balcone di un condominio: appartamenti inagibili, famiglie evacuate

  • Parrucchiere e cliente senza mascherina, salone chiuso dalla polizia

  • Si sente male in casa, sotto gli occhi della moglie: morto storico ristoratore

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento