Il Tribunale di Brescia invia alla Camera gli atti su Berlusconi

Il giudice del Tribunale di Brescia ha deciso di inviare gli atti alla Camera sulla causa civile per diffamazione intentata dal procuratore aggiunto di Milano, Alfredo Robledo, che si occupò del caso Mills, contro Berlusconi che lo aveva definito "indegno"

La decisione di inviare gli atti alla Camera è stata presa dal giudice civile Adriano De Lellis. Prima la Giunta per le autorizzazioni e poi la Camera dovranno votare, dunque, nei prossimi mesi per dire se le frasi pronunciate dal premier siano o meno 'coperte' dall'art. 68 della Costituzione, ossia dal diritto dei parlamentari a non essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse nell' esercizio delle loro funzioni.

Berlusconi, in una conferenza stampa a Palazzo Chigi, il 6 aprile 2006, e poi nel corso di una trasmissione radiofonica, si era scagliato contro i magistrati del caso Mills, soprattutto per una rogatoria, a suo dire, negata dai pm Fabio De Pasquale e Robledo. "E' assurdo - disse il premier - che mentre lavoro giorno e notte ci siano funzionari pubblici che tramano contro il presidente del Consiglio. E' una infamità per spingere i cittadini a un determinato voto durante la campagna elettorale. Si tratta di magistrati indegni".

E' la prima volta che un magistrato di Milano fa causa a Berlusconi per uno dei suoi ripetuti 'attacchi' a quelle che ha sempre definito 'toghe rosse'. Robledo ha chiesto al premier 500 mila euro di risarcimento. Secondo il giudice del Tribunale di Brescia, da quanto si è saputo, le parole di Berlusconi non fanno riferimento alla attività parlamentare, ma il magistrato ha ritenuto, tuttavia, che la questione posta dai legali del premier non sia manifestamente infondata. La causa civile, intanto, è stata rinviata al prossimo 10 maggio, in attesa che la Camera si esprima. Qualora Montecitorio conceda la prerogativa parlamentare con un voto, il giudice potrebbe a quel punto sollevare conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato davanti alla Consulta.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manifestazione Io Apro: il 15 gennaio ristoranti aperti contro la nuova stretta

  • Ragazzino in ospedale col femore rotto: «È stato il padre di un mio coetaneo»

  • Svolta per entrare in azienda e viene centrato da un'auto: addio a camionista 48enne

  • Cerca di stuprarla nei campi, lei lo morde alla lingua e riesce a scappare

  • Focolaio colpisce alcune famiglie in paese: decine di contagi

  • Orrore in famiglia: guarda video porno e fa sesso con la sorellina di 14 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento