“Ha insultato lo Stato”, denunciato sindaco di Trenzano

Dopo il presidio di Diritti per Tutti per lo sfratto di Rachida e la contro manifestazione di Forza Nuova, Andrea Bianchi, primo cittadino di Trenzano, ha espresso su Facebook i suoi pensieri ritenuti "ingiuriosi"

Andrea Bianchi (Fonte: Facebook)

TRENZANO – Dopo i fatti dello scorso fine settimana e il presidio di solidarietà organizzato da Diritti per Tutti, giovedì Forza Nuova ha deciso di rispondere con una contro manifestazione. Un’iniziativa che intendeva sostenere il sindaco e il proprietario dell’abitazione in cui risiedeva Rachida. 
Come già fatto dagli attivisti del Magazzino 47, i manifestanti di Forza Nuova avrebbero voluto spostarsi verso l’abitazione del proprietario, ma le Forze dell’Ordine ricordano loro e al sindaco che la manifestazione non è autorizzata. Il corteo si ricompone, ma sarebbe a questo punto il sindaco Andrea Bianchi ad avere una reazione “scomposta e non consona”, stando agli Agenti. 

La sera stessa, Andrea Bianchi sfogherà il suo pensiero anche attraverso Facebook, piazza virtuale che lo vede molto attivo. Scrive: “Felice per la partecipazione della cittadinanza al presidio di questa sera: a parte sana del popolo sta comprendendo. Grande senso di gratitudine nei confronti dei ragazzi di Forza Nuova, che hanno organizzato l’evento, e dei militanti degli altri partiti come Lega Nord e Fratelli d’Italia, che sono giunti da tutta la Provincia. Sconcertato per le intimidazioni e minacce ricevute da un paio di funzionari dello Stato, a cui hanno assistito attoniti anche alcuni concittadini. Indimidazioni e minacce a cui il sottoscritto, ovviamente, non ha ceduto. ‪#‎Statodimerda‬ ‪#‎antifascisti‬”.

In ragione di tutti questi fatti, sul capo di Andrea Bianchi pende ora una denuncia: corteo non autorizzato, istigazione alla disubbidienza delle leggi, alla calunnia nei confronti di personale di Polizia e dei Carabinieri”.

Ancora una volta, la reazione di ieri del primo cittadino Andrea Bianchi arriva da Facebook: “Apprendo dal Corriere della denuncia della Questura nei miei confronti. Non avendo ricevuto nulla di ufficiale, attendo di comprendere quale sarebbe il reato contestatomi. #statodimerda #eparadossale #antifascisti”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oggi, domenica 9 agosto, Bianchi ha aggiunto un'ulteriore manifestazione del suo pensiero: "Nel rispetto della Legge italiana, mi difenderò dalle accuse rivoltemi nelle sedi opportune. Nel frattempo mi amareggia moltissimo poter apprendere solo dai giornali quelli che sarebbero i reati contestatimi, nonché leggere ricostruzioni dei fatti molto lontane dalla realtà. I tanti italiani per bene presenti quella sera sanno come sono andate le cose, quello che ho detto e come mi sono comportato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente: ciclista sbanda e muore schiacciato da un camion

  • Schianto mortale: Giulia e Claudia uccise dalla sbandata improvvisa di un'Audi

  • Terribile schianto frontale, auto distrutte e 3 feriti: uno è grave al Civile

  • Brescia: tutte le attività commerciali aperte e che fanno consegna a domicilio

  • Si butta dalla finestra di casa, giovane uomo muore suicida

  • Nuovo supermercato dopo il lockdown: sarà aperto tutti i giorni fino alle 22

Torna su
BresciaToday è in caricamento