Cronaca

Tremosine sul Garda? Ora l'ultima parola spetta al referendum

Dopo le approvazioni di Giunta comunale e Comunità Montana restano solo il vaglio della Provincia e della Regione, a cui spetta l'ultima parola. Il sindaco Arrigò: "Non ci inventiamo niente, siamo sul lago di Garda!"

Tremosine sul Garda non è più soltanto un’idea ma un progetto concreto e di prossima realizzazione. Lunedì pomeriggio l’approvazione (all’unanimità) da parte dei Comuni membri della Comunità Montana del Parco Alto Garda Bresciano, con la piena condivisione delle motivazioni e con un parere più che favorevole a quello che non è solo un cambiamento ma un riconoscimento che a molti pare ovvio ma che di sicuro male non farà a un Comune da tempo inserito tra i borghi più belli d’Italia.

“Dopo i primi pareri positivi aspettiamo il via libera della Provincia e della Regione – racconta a BresciaToday il primo cittadino di Tremosine Diego Ardigò – ma siamo sicuri che non ci saranno problemi per organizzare insieme il referendum nel 2012. La nostra è una scelta più che giustificata, possiamo dirlo a pieno titolo, di sicuro non ci inventiamo niente. Tremosine vanta oltre 500mila presenze all’anno, e Campione del Garda non è solo una piccola costa, è una nostra frazione, un vero e proprio paese. Tutti ci invidiano il vento, tutti ci invidiano le tante vele, sono tantissimi i surfisti e i velisti che vengono ad allenarsi qui, anche da Desenzano e Sirmione”.

Una decisione quasi spontanea e quasi naturale, che ha ottenuto il pieno favore anche da parte della minoranza del Consiglio Comunale. Una decisione che permetterà a Tremosine di ottenere la visibilità geografica che si merita, e una più precisa identificazione territoriale. “Va anche ricordato – continua Ardigò – che a Campione del Garda abbiamo ufficializzato la prima Università della Vela, unica in Italia. Nel convegno di presentazione abbiamo ricevuto anche il pieno appoggio del presidente della Regione Roberto Formigoni”.

Dubbi non ce ne sono, e anche i cittadini lo dimostreranno quando sarà il tempo del referendum. Un segnale di coerenza? Un po’ come per la tassa di soggiorno, che Tremosine non applicherà. “Il Comune ha sempre ribadito il diniego a un ulteriore balzello, gli altri si sono aggregati solo dopo di noi. Siamo gli unici ad avere sensibilmente ridotto gli oneri per l’urbanizzazione turistica, alberghi e residence, per incentivare lo sviluppo del turismo. E non applicheremo l’imposta di soggiorno, lo abbiamo già concordato con tutti gli operatori turistici”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tremosine sul Garda? Ora l'ultima parola spetta al referendum

BresciaToday è in caricamento