Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Amianto: in un ex cava a Travagliato una discarica abusiva

Sequestrata un’area di 150mila metri quadrati, quattro le persone denunciate

È stata scoperta a Travagliato una discarica abusiva di amianto e altri rifiuti speciali pericolosi. I Carabinieri del Noe (Nucleo operativo ecologico) informano dell’esistenza di un’ex cava, un cratere profondo più di 20 metri e ampio 40mila metri quadrati, che era utilizzata per interrare rifiuti.

Le indagini hanno portato a quattro denunce e al sequestro di un’area di 150mila metri quadrati, di cui 110mila di terreni agricoli, confinanti con la discarica, coltivati a mais per alimentazione animale.

Lombardia libera dall’amianto nel 2016?
«Le possibilità ci sono»

Sono stati già eseguiti i primi scavi, da cui è emersa la presenza di un grande quantitativo di rifiuti speciali pericolosi, come rottami metallici, latte di vernici e pannelli in fibrocemento verosimilmente contenenti amianto, misti a rifiuti solidi urbani e da demolizione.

I pericoli dell’amianto sono molto seri, la sola respirazione delle sue fibre può causare malattie come Asbestosi, fibrosi polmonare che causa l’ispessimento e l’indurimento del tessuto polmonare rendendo difficoltosa l’ossigenazione del sangue; carcinoma polmonare e mesotelioma, tumore della pleura o del peritoneo.
 
Le scorie possono aver contaminato la catena alimentare? Quali sono i potenziali rischi per la salute a cui incorrono i cittadini? Questi sono gli interrogativi che ci poniamo, - commenta Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale del Codici - motivo per cui l’Associazione invia un Esposto alla Procura della Repubblica per sottolineare la necessità di continuare le indagini e verificare l’eventuale esistenza di pericoli per le persone che vivono nella zona e che consumano i prodotti ivi coltivati”.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amianto: in un ex cava a Travagliato una discarica abusiva

BresciaToday è in caricamento