Traffico di rifiuti: chiesta la sospensione dell’attività per A2A Ambiente

La richiesta del procuratore aggiunto Sandro Raimondi nell’ambito dell’inchiesta sul traffico di rifiuti dalla Campania e che coinvolge anche quattro aziende bresciane, tra cui A2A: sospensione temporanea dell’attività

Traffico di rifiuti dalla Campania: il procuratore aggiunto Sandro Raimondi ha chiesto la sospensione temporanea dell’attività (interdizione dall’esercizio) per tutte e 14 le attività coinvolte nell’inchiesta. Tra queste, insieme ad altre aziende bresciane – la Trailer di Vobarno, da dove le indagini sono cominciate, la Crystal Ambiente di Brescia, la Autotrasporti Luterotti e la Linea Ambiente di Rovato – c’è anche A2A Ambiente.

I legali di A2A ovviamente ribadiscono di come la società non avrebbe commesso “alcun illecito e neppure reati”. Ma il giudice per le indagini preliminari è chiamato ad esprimersi entro un mese, sulla richiesta di sospensiva dell’attività. Sarebbe una cosa mai successa prima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Il dramma di mamma Mara, uccisa a bastonate: aveva una bimba di 5 anni

  • Mara è stata uccisa di notte tra i campi, come il padre nel '93

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento