Traffico illecito di rifiuti: arrestato imprenditore, società sotto sequestro

Nel lungo elenco dei 20 arresti per la maxi-inchiesta sul traffico e lo stoccaggio illecito di rifiuti c'è anche l'imprenditore Guglielmo Mattei di Padenghe sul Garda

Foto d'archivio

Non è indifferente il ruolo bresciano nella maxi-inchiesta sul traffico e lo stoccaggio illecito di rifiuti, non solo urbani ma anche rifiuti industriali e pericolosi, che ha portato all'arresto di 20 persone, il sequestro di beni per oltre 1 milione di euro, sigilli a capannoni e discariche abusive in tutto il Nord Italia. Anche in provincia di Brescia: nel lungo elenco ci sono capannoni anche a Pontevico e Torbole Casaglia, siti di stoccaggio dove sono stati individuate più di 1700 tonnellate di rifiuti.

Un gardesano in manette

Nel caso di Torbole (dove erano stoccati inerti, plastica e legno) è stata la proprietaria del capannone a denunciare l'anomalia, dopo essersi accorta che la società a cui era stato affittato vi “parcheggiava” rifiuti. Sia Torbole che Pontevico erano entrambi affidati all'azienda Geo Risorse, amministrata dall'imprenditore Guglielmo Mattei, 66 anni e originario di Padenghe sul Garda: anche lui è stato arrestato, ora ai domiciliari.

Un volto noto della giustizia, con svariati precedenti per truffa, ricettazione e appropriazione indebita: la sua società, ora sequestrata dalla Procura, gestiva anche l'impianto di San Massimo a Verona, dove in pochi mesi sarebbero stati stoccati più di 11mila metri cubi di rifiuti, per lo più rifiuti solidi indifferenziati urbani. A Pontevico invece erano celati anche rifiuti speciali e industriali.

Gli altri capannoni

Gli altri capannoni sequestrati, riconducibili ad altri imprenditori arrestati, si trovavano a Tabellano, in provincia di Mantova, e poi a Gessate, Cornaredo e alla periferia di Milano, e ancora a Meleti, in provincia di Lodi. Ingenti i ricavi degli affari illeciti: a fronte di un costo di 2500 euro per ogni camion carico di rifiuti, il profitto variava tra i 500 e i 1000 euro a spedizione, più variabili dai 600 agli 800 euro di guadagno per il trasportatore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Soldi facili, un mercato fiorente

“Noi facciamo tre viaggi al giorno e guadagniamo 1800 euro”: questo quanto diranno i due fratelli (già arrestati) della ditta di autostrasporti che scaricheranno rifiuti anche negli impianti bresciani. Soldi facili e un mercato fiorente. Basta pensare che il conferimento di rifiuti a un termovalorizzatore costa fino a 280 euro a tonnellata, mentre con il meccanismo illecito si va da 90 a 150 euro. “Questo mestiere – ha detto il procuratore capo di Milano, Francesco Greco – ormai condiziona parte dell'economia italiana. Se non si riattiva una filiera virtuosa, il fenomeno continuerà ad amplificarsi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: "Una Regione ad alto rischio il 3 giugno non può riaprire"

  • Coronavirus: riaprono i bar, ragazzo subito collassa per il troppo alcol

  • Coronavirus: in Lombardia 293 nuovi contagi, a Brescia altre 8 croci

  • Coronavirus: assalto per la movida, Del Bono costretto a chiudere Piazzale Arnaldo

  • Dramma in paese, ragazzo muore a 29 anni: "Il Signore dia conforto ai tuoi genitori"

  • Terribile schianto frontale, auto distrutte e 3 feriti: uno è grave al Civile

Torna su
BresciaToday è in caricamento