Auto straniera con a bordo cuccioli di pitbull: due denunce

Grazie alla segnalazione di una testimone, una volante della polizia ha scoperto un’auto con a bordo tre cuccioli di pitbull: i due stranieri a bordo sono stati denunciati

Dopo l’episodio che ha visto protagonista un commerciante di Lumezzane, sospettato di essere un ricettatore di setter e pointer da caccia rubati (qui la notizia), i cani tornano ad essere protagonisti della cronaca locale in questo fine settimana bresciano. Il secondo episodio si è verificato ieri pomeriggio nel parcheggio dell’Esselunga di via della Volta, ed è raccontato dall’edizione online del Giornale di Brescia. 

Recatasi in via della Volta per la spesa, una signora nel pomeriggio di ieri ha chiamato il 112 per denunciare movimenti sospetti intorno ad un’auto con targa straniera nel cui bagagliaio aveva intravisto gabbiette metalliche. La volante della polizia giunta immediatamente sul posto ha facilmente individuato l’automobile sospetta, sulla quale c’erano due uomini di origini serbe. 

La sorpresa è arrivata al momento di aprire il bagagliaio, dove c’erano quattro gabbie metalliche che contenevano tre cuccioli di pitbull, stipati in pessime condizioni igieniche. Interrogati, i serbi non hanno fornito spiegazioni circa la provenienza dei cani, né hanno saputo mostrare i necessari documenti per il trasporto e la vendita. A peggiorare la loro situazione il ritrovamento di 1.300 euro in contanti nelle loro tasche, denaro che potrebbero essere il ricavo per la vendita del pitbull mancante nella gabbietta vuota. I due uomini sono stati denunciati mentre i tre cuccioli affidati a una struttura. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento