Panico a scuola, i bambini hanno la scabbia: "Nessuna emergenza sanitaria"

Massima allerta all’istituto Rita Levi Montalcini di Torbole Casaglia, dove l’Ats ha accertato alcuni casi di scabbia: “Nessuna emergenza sanitaria”, ribadiscono le autorità

Pustole da scabbia (foto d'archivio)

Una vicenda che sta facendo parecchio rumore, in paese e non solo: come segnalato da Ats, all’istituto comprensivo Rita Levi Montalcini di Torbole Casaglia sono stati riscontrati dei casi di scabbia, la nota “infestazione contagiosa” della pelle causata principalmente dall’acaro Sarcoptes scabiei, parassita molto piccolo e di solito non direttamente visibile, che si inocula sotto la pelle del soggetto colpito provocando un intenso (e fastidioso) prurito allergico.

Nessuna emergenza sanitaria, comunque: dall’istituto comprensivo fanno sapere che non sarà nemmeno necessario un intervento di disinfestazione delle aule scolastiche nel complesso, perché basterà garantire un’efficace pulizia dei locali, anche con detergenti comuni.

Non è dato sapere al momento quanti siano i casi accertati sotto la lente dell’autorità sanitaria: ci sono le comunicazioni ufficiali dell’Ats e quelle dell’istituto comprensivo, il particolare l’ultimo “messaggio” a firma della dirigente scolastica inviato a genitori e famiglie, in cui appunto viene scongiurata l’emergenza sanitaria e si rassicura sul fatto che “la situazione è completamente sotto controllo”.

La dirigenza scolastica

Certo non finisce qui: la dirigenza scolastica raccomanda ai genitori la massima attenzione, e in particolare di tenere d’occhio l’eventuale “apparizione” (da qui a un mese e mezzo) di eruzioni cutanee o pruriginose sospette. Sono questi infatti i tempi di incubazione della scabbia: dalle quattro alle sei settimane per diventare sintomatica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Considerata dall’Organizzazione mondiale della Sanità come una patologia legata all’acqua, la malattia può essere trasmessa anche da oggetti inanimati, anche se il primo vettore di contagio rimane il contatto diretto pelle-pelle, solitamente dopo un contatto prolungato. Non è una malattia grave, ma se non curata adeguatamente può prolungarsi nel tempo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schiacciati da mutuo e prestiti, due figli a carico: cancellati debiti per 267mila euro

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Crolla il balcone di un condominio: appartamenti inagibili, famiglie evacuate

  • Parrucchiere e cliente senza mascherina, salone chiuso dalla polizia

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento