Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca Torbole Casaglia

Torbole Casaglia: Salvini sommerso da fischi e contestazioni dei cacciatori

Il leader leghista è stato accolto da fischi e contestazioni dei cacciatori

Non è andato proprio come si sperava, il comizio tenuto da Matteo Salvini mercoledì a Torbole Casaglia a sostegno dei candidati sindaci Roberta Sisti (sindaco di Torbole Casaglia) e Giorgio Guarneri (sindaco di Castel Mella). La visita, che doveva essere l'apice della loro campagna elettorale, si è trasformata in una contestazione al leader della Lega.

I cacciatori bresciani e bergamaschi hanno accolto Salvini con un coro di fischi. La loro rabbia deriva dalla decisione assunta dal Tar della Lombardia di sospendere l’attività venatoria fino al 6 ottobre. Il tribunale, infatti, ha accolto il ricorso della Lac, la Lega Abolizione Caccia, che chiedeva la sospensione dell’attività di caccia su tutto il territorio regionale.

I 20mila cacciatori hanno riversato la loro rabbia contro Salvini, esponente di punta della Lega, da sempre il partito di riferimento per i cacciatori della nostra regione. Dopo fischi e contestazioni, il leader è riuscito a placare gli animi riportando l’attenzione sui due candidati sindaci.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torbole Casaglia: Salvini sommerso da fischi e contestazioni dei cacciatori

BresciaToday è in caricamento