Il dramma di Tiziano, morto mentre lavorava: era un grande tifoso del Brescia

Tragico incidente martedì pomeriggio a Meano di Corzano: la vittima è il 35enne Tiziano Fratus, originario di Frontignano di Barbariga

Tiziano Fratus

Morire di lavoro, a 35 anni: è successo a Meano di Corzano, dove martedì pomeriggio ha perso la vita il 35enne Tiziano Fratus. La vittima stava movimentando le carcasse di alcuni maiali, da caricare sul camion su cui era posizionata la gru che stava utilizzando: probabilmente a causa di un malore, si è accasciato a terra ed è precipitato di sotto, finendo nella roggia prosciugata. Sono stati i colleghi a dare l'allarme, poco dopo le 13.30.

A nulla sono valsi, purtroppo, i disperati tentativi di rianimarlo: Tiziano era già morto al momento dell'arrivo dei soccorsi. La salma è stata ricomposta in ospedale, a disposizione dell'autorità giudiziaria: non si escludono ulteriori accertamenti medico-legali, tra cui l'autopsia, per verificare nel dettaglio le cause del decesso.

Morto per malore o per il trauma cranico

Potrebbe essere stato colto da malore, oppure potrebbe aver perso l'equilibrio prima di cadere, e battere la testa: in questo caso sarebbe stato il violento trauma cranico ad ucciderlo. Sul posto, come da prassi quando si tratta di incidenti di questo tipo, oltre ai carabinieri si sono presentati i tecnici del Servizio di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro di Ats, poi l'automedica e l'ambulanza dei volontari di Trenzano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Operaio fin da giovanissimo, Tiziano Fratus avrebbe compiuto 36 anni tra meno di due mesi. Nato e cresciuto a Frontignano, frazione di Barbariga, dove tutti lo conoscono: sia per il suo carattere solare, sempre disponibile, sia per l'impegno che da sempre metteva al servizio della comunità (era anche volontario alla sagra di Sant'Alberto). Era uno sfegatato tifoso del Brescia, andava spesso allo stadio. Nelle prossime ore si attende il nulla osta per i funerali e la sepoltura: lascia i genitori e due fratelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

  • Tragedia sui cieli della Lombardia: aereo precipita e prende fuoco, due morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento