Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca Centro / Via San Faustino

Tifone Haiyan: la comunità di Brescia piange i suoi morti

La chiesa di San Faustino è il consueto ritrovo degli immigrati filippini di Brescia: ieri pomeriggio l'appello a dare una mano, mentre in tanti hanno acceso un cero, hanno atteso buone notizie dall'incubo del tifone Haiyan

Un tifone irresistibile, e le immagini che si susseguono in tutto il pianeta, per l’ennesima catastrofe sociale forse annunciata e forse no: i dati ‘ufficiali’ parlano di 10mila morti, una macabra conta che potrebbe pure aumentare, oltre a loro anche un milione di sfollati.

TIFONE HAIYAN: FOTO GALLERY

La comunità filippina anche a Brescia si stringe in un abbraccio lontano e virtuale ad amici e parenti che stanno là, nel loro Paese d’origine devastato dal tifone Haiyan. Tanta la paura, e la preoccupazione, non ci sia abitua mai alle tragedie, non ci si dimentica mai della famiglia.

A Brescia sono quasi 1500 gli immigrati d’origine filippina che lavorano e vivono in città: il loro riferimento è da anni la chiesa di San Faustino, dove anche il sagrestano è originario delle isole asiatiche, e si chiama Primo Macapanas.

Proprio lui in corso di messa, ieri pomeriggio, ha lanciato un appello di speranza, chiamando a sé la forza di rinascita, di evangelica memoria. In tanti hanno acceso un cero, ripensando alle famiglie lontane, in tanti hanno passato ore infinite tra telefonate e social network, in attesa di qualche buona notizia.

Dalla chiesetta di San Faustino intanto l’invito a dare una mano, che arriva proprio dalla locale Associazione di Filippini. Un piccolo contributo, per aiutare un popolo intero in quella che sarà una dolorosa ricostruzione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tifone Haiyan: la comunità di Brescia piange i suoi morti

BresciaToday è in caricamento