Cronaca

Terremoto 27 gennaio 2012: spiega l'Istituto Nazionale Geofisica

Come è accaduto nei terremoti avvenuti nei giorni scorsi il Reggiano e prima ancora il Veronese, è stato ancora oggi il movimento della placca Adriatica all'origine della scossa di magnitudo 5.4 che ha colpito l'area compresa fra Parma, Massa Carrara e Reggio Emilia.

E' quindi ancora una volta il movimento della placca Adriatica l'unico legame, indiretto, fra il terremoto di oggi, quelli del Reggiano e la sequenza registrata nel Veronese nella notte fra il 24 e il 25 gennaio, ha rilevato il sismologo Alessandro Amato, dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv).

A Nord-Est la placca Adriatica spinge verso l'Europa e in questo movimento scorre sotto le Alpi, generando terremoti nella zona di Verona e poi verso il Friuli e le Prealpi; scendendo in direzione Sud, invece, si piega gradualmente sotto l'Appennino, inarcandosi.

E' stato questo movimento a generare il terremoto nel Reggiano, in un'area più vicina alla pianura e con una pericolosità sismica classificata come medio-bassa, così come oggi ha colpito un'area più vicina ai rilievi e classificata con una pericolosità medio-alta.

- Nuovo terremoto al Nord: epicentro Berceto, Parmense
- Terremoti al Nord: Gabrielli convoca comitato operativo Protezione Civile per fare il punto sullo sciame sismico
- Terremoto, il racconto del sindaco di Berceto: "Una grande paura"
- Terremoto: il racconto del sindaco Monchio, altro paese epicentro
- Terremoto al Nord: sospesi treni tratta Milano-Bologna
- Terremoto: crolla tetto della chiesa, due fedeli illesi a Massa
- Terremoto 27 gennaio 2012: spiega l'Istituto Nazionale Geofisica

placca adriatica-4

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto 27 gennaio 2012: spiega l'Istituto Nazionale Geofisica

BresciaToday è in caricamento