Svegliati da rumori sospetti, trovano il ladro in casa

Un immigrato albanese di 26 anni, che risulta essere residente a Prato, è riuscito ad entrare nell’abitazione di una coppia che ha chiamato il 112 facendolo arrestare.

Ennesima notte di paura vissuta in un’abitazione bresciana a causa dell’incursione dei ladri. Il nuovo episodio è avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì in Valle Camonica, a Braone, dove la casa di una coppia è stata presa di mira da una banda di ladri professionisti. 

In piena notte i coniugi hanno sentito dei rumori sospetti. Vincendo la comprensibile paura, si sono alzati da letto e, avuta conferma del fatto che fosse in corso un furto, hanno prontamente chiamato i carabinieri. I militari nel giro di pochissimi minuti sono giunti sul posto ed hanno colto in flagrante un ladro albanese 26enne. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Assieme a complici, sfuggiti all’arresto, il giovane immigrato, domiciliato a Prato, è riuscito ad intrufolarsi nell’abitazione forzando la porta della cucina, provocando però i rumori che hanno svegliato i proprietari di casa. L’albanese ora si trova in carcere a Brescia in attesa del processo: è accusato di tentato furto aggravato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente: Giulia e Claudia morte in un terribile frontale

  • Strade sommerse da un'incredibile grandinata: servono le ruspe per liberarle

  • Nuovo supermercato dopo il lockdown: sarà aperto tutti i giorni fino alle 22

  • Coronavirus: Brescia è la prima provincia italiana per nuovi contagi

  • Violenta rissa, ragazzino picchiato e lasciato ferito in mezzo alla strada

  • Drammatico schianto frontale nella notte: morte due ragazze

Torna su
BresciaToday è in caricamento