menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I Carabinieri sul luogo della tragedia (Foto © Ansa)

I Carabinieri sul luogo della tragedia (Foto © Ansa)

Carabiniere spara all'amica bresciana che lo tormenta e si suicida

È accaduto ad Arma di Taggia, in provincia di Imperia: pare che la donna, Barbara Zanini, desiderasse qualcosa di più di un'amicizia da Alessio De Palmi, in realtà sposato. Dopo essere stato bersagliato da continui messaggi e telefonate, il Carabiniere è giunto all'estremo gesto di questa notte. Barbara Zanini è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico; le sue condizioni sono molto gravi

ARMA DI TAGGIA - Un dramma della gelosia, dell'incapacità di accettare l'impossibilità di una relazione. Stavolta è accaduto ad Arma di Taggia, in provincia di Imperia, dove un Carabiniere di 31 anni, Alessio De Palmi, ha tentato di uccidere un'amica di origini bresciane, di Clusane - Barbara Zanini, una 33enne di stanza a Taggia per lavoro che da tempo lo tormentava perché voleva avere una relazione con lui nonostante l'uomo fosse sposato - e poi si è tolto la vita.

La tragedia risale a questa notte, alle 2.30, nell'appartamento della donna che, stando a quanto riporta l'Ansa, avrebbe sottoposto l'uomo a diversi episodi di stalking dovuti a un fraintendimento circa le reali intenzioni dell'uomo: un amico sposato, che la donna bresciana ha bersagliato di messaggi e telefonate. 

Messaggi latori di una violenta lite in famiglia per il Carabiniere, che aveva cercato di troncare ogni rapporto con la donna per mettere fine al tormento e per rendere chiare le sue intenzioni.

La donna, tuttavia, non è riuscita ad accettare la fine dell'amicizia: De Oalmi, portato all'esasperazione, è dunque arrivato all'estremo gesto di questa notte.

Dopo aver avuto una violenta discussione con Barbara Zanini, Alessio De Palmi ha estratto un revolver (detenuto regolarmente) e ha sparato due colpi di pistola; la donna bresciana è stata colpita alla testa, ed è ricoverata in condizioni disperate all'ospedale di Pietra Ligure.

Ospedale in cui la giovane donna è stata sottoposta a un intervento chirurgico di quattro ore e mezza per la rimozione dal cranio dei frammenti ossei e dell'ogiva del proiettile cal.8 sparato, secondo quanto appreso, da breve distanza. La donna ora è ricoverata in coma farmacologico nel reparto di rianimazione.

Il corpo del carabiniere sarà sottoposto a autopsia. 

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri di Sanremo, che spiegano l'accaduto in una nota. Le indagini proseguono.


   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Barista decide di non chiudere più: già 20 multe per lui e i suoi clienti

Coronavirus

Festa abusiva tra le mura di casa: 4.400 euro di multa per 11 ragazzi

Coronavirus

Coronavirus: a Brescia 186 casi e 17 morti, i nuovi contagi Comune per Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento