TAV Brescia-Verona, Legambiente: «Perchè non costruite sulla linea storica?»

La costruzione della TAV tra Brescia e Verona mette a rischio le colline moriniche e la campagna mantovana, vitigni di uva pregiata e cascine storiche. Legambiente chiede la modifica del tracciato: "Ma perchè non costruite sulla linea storica?"

L'attuale progetto della TAV tra Brescia e Verona porterebbe un consumo di suolo di oltre mille ettari e un costo economico elevatissimo (il più alto d’Europa di 37 milioni di euro a Km, secondo Legambiente).

Un grave scempio ambientale, sia nel  tracciato a nord di 57 Km, che attraversa le colline moreniche, i vigneti e gli  allevamenti, sia in quello a sud, lungo di quasi 70 km, che passa anch’esso tra vigneti ed allevamenti.

"Il quadruplicamento in sede, a fianco della linea esistente, sarebbe la soluzione più logica, più funzionale e di minor impatto ambientale", commenta Dario Balotta, Responsabile "trasporti" e  del coordinamento provinciale bresciano di Legambiente.

"Quasi tutti i 65 Km dell’attuale tracciato storico - continua - prevedono già gli spazi per altri due binari. L’esperienza europea conferma che non c’è bisogno di raggiungere la velocità di 300 Km/h. Il modulo tecnico dei 230 km/h, peraltro, è già stato  adottato sulla  tratta TAV tra Milano e Treviglio della stessa Milano-Brescia-Verona."

- Travagliato: controlli dell'anti-mafia sui cantieri della TAV

I risparmi economici sarebbero consistenti, la lunghezza del tracciato si accorcerebbe di 10 Km rispetto al tracciato a nord e di 20 Km rispetto a quello a sud, con meno costi e meno consumo di suolo e la possibilità  di utilizzare la nuova linea  anche per i viaggiatori delle medie distanze, dove si sviluppa l’80% della mobilità dei passeggeri.

Meno espropri, meno costi e  meno inquinamento acustico, come avverte la Germania che ha fatto l’Alta velocità in territori popolati e densi di attività economiche e agricole come quelli italiani.

- TAV a Desenzano: dentro il vertice, fuori le proteste


La scelta, oltre a salvare l'economia locale, permetterebbe di non devastare le delicate colline moreniche ed i territori mantovani.

"La revisione del progetto si rende necessaria anche alla luce della grave crisi economica che suggerisce di utilizzare le poche risorse pubbliche disponibili  e degli istituti di credito per imprese,  istruzione, servizi sociali, e ricerca  piuttosto che per grandi opere costosissime, di dubbia utilità e di eccessivo impatto ambientale".

"Abbiamo già un esempio negativo quello della TAV Torino-Milano - conclude Balotta -; aperta da tre anni, con una  capacità una di 300 treni al giorno viene utilizzata solo da 12 treni. Mentre i pendolari di Vercelli, Novara, Chivasso e Magenta subiscono disagi e ritardi ogni giorno sulla linea storica a pochi km c’è una linea TAV inutilizzata. Sarebbe bene non ripetere questa amara esperienza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Crisanti: "Vi spiego perché il Natale può essere un'opportunità"

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Terribile incidente: precipita elicottero, morto dirigente d'azienda

  • Vola in auto nella rotonda, resta intrappolato con la testa schiacciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento