Tangenti: il Consiglio regionale approva le dimissioni di Nicoli

Le dimissioni di Franco Nicoli Cristiani da vicepresidente del Consiglio regionale lombardo e da consigliere sono state accettate dall'Aula del Pirellone con voto unanime

In apertura della seduta odierna il presidente Davide Boni ha letto la breve lettera con cui Nicoli Cristiani ha dato comunicazione delle sue intenzioni l'arresto nell'ambito dell'inchiesta di Brescia su tangenti e rifiuti.

Dimissioni Nicoli: il bresciano Vanni Ligasacchi al suo posto in consiglio regionale

Il Consiglio regionale ha subito proceduto alla surroga del consigliere dimissionario, sostituito da Vanni Ligasacchi, il primo dei non eletti a Brescia del Pdl, il partito di Nicoli Cristiani. Ligasacchi, in passato già consigliere in Lombardia in quota An, è stato salutato con un applauso al suo ingresso. Resta adesso vacante uno dei due posti da vicepresidente del Consiglio: la scelta (il Popolo della Libertà dovrà indicare un nome) sarà fatta con ogni probabilità nella prima seduta di gennaio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento