Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Susy massacrata a coltellate, chiuse le indagini: "L'avevo vista con un altro uomo"

Chiuse le indagini sulla morte di Susy Mailat, 39 anni e madre di tre figli: il marito Gianluca Lupi è accusato di omicidio volontario aggravato

Susy Mailat

La Procura di Brescia ha chiuso le indagini sull'omicidio di Zsuzanna Mailat, 39 anni e da tutti conosciuta come Susy, massacrata nella sua casa di Milzano dal marito Gianluca Lupi, 41 anni, che l'ha uccisa a coltellate davanti allo sguardo attonito della figlia 15enne, la prima a chiamare i carabinieri: è accusato di omicidio volontario aggravato da futili motivi. Come da prassi, entro i prossimi 20 giorni Lupi potrà essere ascoltato ancora una volta. Poi prenderà il via il processo.

I fatti risalgono all'8 maggio scorso. Quella sera, al termine di un litigio, Lupi scatenerà la sua furia sulla moglie (e madre di tre figli: di 3, 7 e 15 anni): l'unica colpa della povera Susy è aver deciso di cambiare vita e di lasciare il marito, a cui aveva già comunicato di aver intenzione di avviare le procedure per la separazione.

Non accettava la separazione, la massacra per gelosia

Sarebbe stato questo il movente dell'efferato omicidio: Lupi non avrebbe mai accettato le prospettive di una separazione, e sarebbe stato inoltre accecato dalla gelosia. Ai magistrati, infatti, riferirà di averla uccisa dopo averla vista in compagnia di un altro uomo. 

In quella terribile sera, come detto, sarà la figlia più grande a chiamare i carabinieri. Fuori dalla porta si presenterà anche il sindaco di Milzano, Massimo Giustiziero. “Ho ucciso Susy, non abbandonare i miei figli”: questo quanto dirà Lupi al primo cittadino. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Susy massacrata a coltellate, chiuse le indagini: "L'avevo vista con un altro uomo"

BresciaToday è in caricamento