Sulzano, alloggia all’hotel dei profughi: “Sono un rifugiato anch’io”

Salvatore Brosco, 47enne napoletano da 16 anni a Brescia, è disoccupato da tre anni. E per protesta si è rifugiato all'hotel Alpino di Sulzano, lo stesso dove alloggiano una ventina di profughi. "Sono un rifugiato bresciano", è la sua tesi. E pretende per sé - e per tutti coloro che versano nelle sue condizioni - le stesse garanzie di chi fugge da guerra e povertà.

BRESCIA – Un lavoro che manca da troppo tempo. E, con esso, i soldi per mantenere se stesso, la moglie e i cinque figli. Salvatore Brosco – 47enne di origine napoletana, ma da più di 15 anni a Brescia – non ce la fa più. E non ci sta.

La sua forma di protesta e ribellione è approdato prima all'hotel Milano in città, pieno, per spostarsi allora all’hotel Alpino di Sulzano. Qui sono alloggiati circa venti profughi; 16,per l’esattezza. E, da qualche settimana, anche Salvatore Brosco. Si è presentato alla reception dell’hotel come un normale cliente, con una scusa: “Starò qui una settimana per lavoro”. E ha versato una caparra. Gli ultimi spiccioli rimasti nelle sue tasche. Per il saldo non rimane nulla.

Il suo gesto non sottintende alcun astio verso i profughi. Salvatore ce l’ha con uno Stato che non garantisce tutti i poveri allo stesso modo. E se ci sono i fondi per chi fugge dalla guerra e dal disagio per arrivare in Italia, allora devono esserci anche per lui. Non chiede niente di più, né di diverso, rispetto a quanto garantito ai suoi nuovi compagni di vita.

Viveva alla Badia, Salvatore, ma da tempo non riusciva a sostenere l’affitto. Prima gli era andata male con il commercio d’antiquariato, e poi anche con il lavoro di autotrasportatore. Di fatto, Brosco è disoccupato da tre anni.

Il titolare dell’hotel è al corrente della situazione di Salvatore. E sa che Brosco non ha alcuna intenzione di andarsene, almeno finché non avrà risposte e aiuti dalle istituzioni. Ma sulla sua testa pende la minaccia di un foglio di via.

Brosco non è nuovo a gesti destinati a suscitare scalpore. In piazza San Pietro a Roma aveva minacciato di darsi fuoco, aveva ingoiato una scheda elettorale e si era presentato in Tribunale indossando una tuta arancione, a guisa di un prigioniero: non di Guantanamo, ma dello Stato italiano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente: Giulia e Claudia morte in un terribile frontale

  • Strade sommerse da un'incredibile grandinata: servono le ruspe per liberarle

  • Nuovo supermercato dopo il lockdown: sarà aperto tutti i giorni fino alle 22

  • Coronavirus: Brescia è la prima provincia italiana per nuovi contagi

  • Violenta rissa, ragazzino picchiato e lasciato ferito in mezzo alla strada

  • Drammatico schianto frontale nella notte: morte due ragazze

Torna su
BresciaToday è in caricamento