"I suicidi gay? Non c'entra la società, è un disagio identitario"

L'intervento del medico bresciano Massimo Gandolfini al convegno organizzato a Roma dal Comitato Articolo 26, gli stessi che hanno paragonato l'amore omosessuale a quello tra cane e padrone

Cure e correzioni per gli omosessuali. Per farli ‘rientrare nei ranghi’, per farli tornare a seguire ‘la retta via’. L’omosessualità altro non è che “un disagio identitario, la cui unica soluzione è quella di correggerlo”. Insomma un disturbo che, se non ‘curato’ in tempo, rischia di portare a conseguenze nefaste. E tra queste ci sarebbe addirittura il suicidio.

Sono le parole del dottor Massimo Gandolfini, direttore del dipartimento di Neuroscienze e primario di Neurochirurgia alla Poliambulanza di Brescia. Intervenuto qualche settimana fa al convegno ‘Sapere per Educare’, organizzato a Roma dal Comitato Articolo 26. Il gruppo di ‘lavoro’ che aveva già fatto parlare di sé perché aveva paragonato il vincolo affettivo tra due persone dello stesso sesso a quello che ha il padrone per il proprio cane.

Il suo intervento è stato ripreso da L’Espresso, e già scatenato una querelle a distanza tra suoi sostenitori e suoi detrattori. La sua teoria parte da dati certi: gli adolescenti gay hanno un rischio di suicidio sette volte maggiore dei loro coetanei eterosessuali, la fascia più a rischio è quella di età compresa tra i 15 e i 24 anni. Secondo Gandolfini non è vero “che i suicidi sono maggiori perché la società è discriminante; il dato resta elevato anche nei paesi gay-friendly del Nord Europa”.

Il primario bresciano sottolinea che l’omofobia non c’entra: “L’incidenza suicidaria rimane elevata perché in fondo a tutto questo ci sta un disagio identitario. Nella misura in cui una persona si sente disagiata verso sé stesso: ecco perché per loro non è così facile vivere la vita”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’omosessualità espressione di un disagio, ma che può essere curato. Fin da piccolo il bimbo lancerebbe dei ‘segnali’: è compito dell’educatore intervenire in tempo e correggerlo, e “cercare di indirizzarlo verso una coerenza”. L’unica coerenza possibile, per Gandolfini, è dunque l’eterosessualità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio non risponde, è a letto privo di sensi: giovane medico in fin di vita

  • Prostituzione fuori controllo, 200 escort attive, clienti anche di giorno

  • Tragico gesto estremo: giovane uomo muore suicida a 38 anni

  • Positivo al coronavirus: altra classe in quarantena, tampone per tutti i compagni

  • Scoppia la tv, la casa si riempie di fumo: donna muore tra le braccia della figlia

  • Addio a Daniela, uccisa dalla malattia: il dolore del marito e della giovane figlia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento