Omicidio di Stefania, indagini chiuse: "Presa a martellate e bruciata viva"

E' ancora in carcere Chiara Alessandri, accusata di omicidio volontario premeditato e distruzione di cadavere: la Procura di Brescia ha chiuso le indagini

Si sono chiuse le indagini sull'omicidio di Stefania Crotti, la mamma di 42 anni di Gorlago, provincia di Bergamo, uccisa dalla 43enne Chiara Alessandri, anche lei madre di una bambina, che a quanto pare la considerava una rivale in amore: la donna è accusata di omicidio volontario premeditato e di soppressione di cadavere. Le indagini dei carabinieri, coordinate dalla Procura di Brescia, sono riuscite a ricostruire nei dettagli la macabra vicenda.

Il corpo di Stefania carbonizzato in campagna

Il corpo di Stefania Crotti venne ritrovato, carbonizzato, il 17 gennaio scorso nelle campagne di Erbusco. A portarlo fino a lì, a bordo della sua Mercedes Classe B, fu proprio Chiara Alessandri: secondo l'accusa sarebbe stata sempre lei a dare fuoco al corpo, quando Crotti era ancora viva. L'autopsia ha infatti confermato la presenza di monossido di carbonio nei polmoni: il fumo che avrebbe respirato quando il suo cuore batteva ancora.

Un piano premeditato, ribadisce l'accusa: Alessandri avrebbe convinto un amico, Angelo Pezzotta, ad attirare Crotti in una trappola mortale, nel garage di casa. Pezzotta era ignaro di quello che sarebbe poi successo: è stato lui, per primo, a denunciare l'accaduto non appena divenne pubblica la notizia della scomparsa di Crotti.

Presa a martellate dopo il litigio in garage

La giovane madre sarebbe stata aggredita a martellate, anche se Alessandri ha sempre negato di averla colpita volontariamente (così come ha sempre negato di aver dato fuoco al corpo). A scatenare la furia di Alessandri sarebbe stato il rifiuto di Stefano Del Bello, il marito di Crotti con cui la 43enne avrebbe avuto una breve storia, nell'estate del 2018.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Del Bello avrebbe rifiutato le attenzioni di Alessandri, dopo un periodo di crisi con la moglie, ribadendo la sua volontà di tornare con Crotti. Nei mesi successivi la donna oggi accusata di omicidio avrebbe appunto premeditato la sua brutale vendetta. A pochi giorni dal ritrovamento del cadavere, Alessandri è stata arrestata e trasferita in carcere. Ora le indagini sono ufficialmente concluse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Coronavirus, Crisanti: "Vi spiego perché il Natale può essere un'opportunità"

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Autocertificazione covid Lombardia: modulo da scaricare Ottobre 2020

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento