Stalking e violenza: denunciato un uomo a Gavardo

L'uomo avrebbe pedinato e importunato per mesi la vittima, una 35enne residente a gavardo. Il raptus in seguito all'ennesimo rifiuto della donna esasperata.

Denuncia a piede libero per un 40enne disoccupato di Gavardo, l'accusa è quella di minaccia aggravata e violenza sessuale ai danni di una compaesana.

Stando al racconto della vittima e alle prove raccolte dagli inquirenti l'uomo l'avrebbe tormentata per mesi pedinandola e proponendosi in ripetute, pesanti avances. Inutili le richieste della donna di essere lasciata in pace.

Gli ultimi giorni di febbraio, accortasi di essere stata per l'ennesima volta pedinata fin sotto casa, la donna esasperata avrebbe affrontato fermamente il suo stalker intimandogli di andarsene e di smettere di seguirla.

A quel punto la reazione incontrollata dell'uomo, che si sarebbe scagliato contro la vittima immobilizzandola e infilandole la mano sotto i vestiti. Insieme ai palpeggiamenti, frasi furiose e volgari intese a umiliare la donna che l'aveva rifiutato.

Superato lo shock, la vittima ha trovato la forza di recarsi dai Carabinieri che hanno svolto, seppur con la dovuta discrezione data la natura del caso, indagini serrate per raccogliere prove che fossero inconfutabili, interrogando anche amici e conoscenti della donna e del 40enne, già conosciuto dai militari per passati episodi in cui aveva dimostrato atteggiamenti proditori.

Un raptus di violenza come apice di una storia sulla quale sarà però la magistratura a fare piena luce. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento