Un tumore che non esiste: risarcimento di 900mila euro

Un pensionato di 70 anni di Soresina a cui viene diagnosticato un tumore che invece non esiste: oltre al danno la beffa, un'operazione che lo rende invalido al 75%. La famiglia ottiene 900mila euro di risarcimento

Una tubercolosi scambiata per un tumore. Un’operazione andata male, la conseguente invalidità del 75%. Anni di sofferenza e di spese sanitarie, ora finalmente la luce: un risarcimento di quasi 900mila euro, soldi che dovranno essere rimborsati alla famiglia di un pensionato di Soresina di 70 anni, vittima nel 2007 di un clamoroso caso di malasanità.

Si presenta dal suo medico di base, proprio a Soresina, per una tosse che non lo molla, e che dura da mesi. Il medico gli prescrive una lastra, la diagnosi è delle peggiori: un tumore al polmone. Da qui la corsa in ospedale, al Maggiore di Cremona, dove la diagnosi viene confermata. Inevitabile allora il tentativo di salvare il salvabile, con un trasferimento nell’ospedale specializzato di Verona.

L’anziano finisce sotto i ferri, per un’operazione teoricamente di routine: una broncoscopia con cui prelevare parte di tessuto potenzialmente ‘infettato’ dal tumore. Ma il polmone del pensionato non ‘regge’, anzi ‘scoppia’. Costringendolo così ad un’asportazione totale. Peggio che peggio, gli vengono pure recise le corde vocali, e da otto anni è tracheotomizzato.

Dunque invalido, al 75% appunto. Fino alla terribile scoperta: analisi effettuate da un medico privato negano la diagnosi originaria, che addirittura due ospedali avrebbero confermato senza ulteriori accertamenti. Non è un tumore, era un’infezione da tubercolosi. Sono passati anni, e il 70enne ha finalmente ottenuto la sentenza di risarcimento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Circa 76mila euro da parte del medico di base, 345mila dall’ospedale di Cremona, 386mila da quello di Verona, a cui aggiungere le spese legali. Ma non è finita: la famiglia è pronta a chiedere un ulteriore risarcimento per le spese mediche degli ultimi anni, anche di migliaia di euro al mese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schiacciati da mutuo e prestiti, due figli a carico: cancellati debiti per 267mila euro

  • Forti temporali nella notte, allerta meteo anche tra oggi e domani

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Crolla il balcone di un condominio: appartamenti inagibili, famiglie evacuate

  • Parrucchiere e cliente senza mascherina, salone chiuso dalla polizia

  • Si sente male in casa, sotto gli occhi della moglie: morto storico ristoratore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento