Cerca di opporsi ai continui tradimenti del marito, lui la riempie di botte

Una triste storia di violenza, fisica e psicologica: un marito prepotente, una moglie vittima di maltrattamenti per 34 anni

Maltrattata, sia fisicamente che psicologicamente, per 34 anni senza sosta: solo nelle ultime settimane ha trovato il coraggio di denunciare l'accaduto. E allora potrebbe essere davvero la fine di un incubo per una donna di 72 anni residente a Soresina, piccolo Comune di confine tra Cremona e Brescia, vittima delle angherie del marito addirittura dalla metà degli anni '80.

Sarebbe stata appunto maltrattata, a intervalli ma con continuità, fino a pochi mesi fa. L'ultimo blitz dei carabinieri si è concluso con una denuncia al marito, un uomo di 65 anni, ora accusato di maltrattamenti in famiglia. Con l'aggravante di aver perpetrato il reato per anni, per decenni. Ora in attesa di processo.

Il coraggio (finalmente) di denunciare

La situazione sarebbe proseguita nel silenzio della donna, vittima di un marito prepotente, almeno fino a pochi mesi fa. Quando avrebbe preso coraggio e denunciato l'accaduto. I carabinieri sarebbero infatti intervenuti più volte, in casa. Raccogliendo, nel frattempo, elementi utili alle indagini. Fino alla denuncia.

Ma il motivo delle angherie? A quanto pare l'uomo avrebbe insultata, minacciata e picchiata solo perché lei si sarebbe sempre opposta ai tradimenti del marito, che si sarebbero ripetuti negli anni. Una donna succube della violenza dell'uomo che credeva di amare. E ormai è passata una vita intera. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento