Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una scarica di fango e detriti, Statale chiusa al traffico

Esondato il fiume Oglio e frana a Sonico: chiusa la Statale 42

 

Le abbondanti precipitazioni non hanno risparmiato la Valcamonica: nella notte tra venerdì e sabato un violento temporale ha causato l’esondazione del fiume Oglio e uno smottamento. Una colata di fango e detriti, provenienti dal torrente val Rabbia, si è in parte riversata sulla Statale 42, tra Malonno e Sonico. Vigili del Fuoco e Protezione Civile hanno lavorato a lungo per limitare i danni e rimuovere i detriti e la Statale è stata chiusa a lungo. La situazione è tornata alla normalità solo nella prima mattinata di sabato e la strada che porta al Tonale ora è di nuovo percorribile.

“Questa notte la Val Rabbia ha deciso di fare i capricci e non farci dormire. Si è arrabbiata ed ha mandato una colata detritica a valle!!!
Ad una prima stima circa 200.000 mc di materiale solido e, considerati i livelli pluviometrici, oltre 300.000 mc di acqua. Tutto sotto controllo per ora: le recenti difese idrauliche costruite hanno tenuto e scongiurato il pericolo di grave esondazione sulla SS42 e consentito il deposito di gran parte del trasporto solido. Nessun pericolo per le persone. La macchina della protezione civile ha ben funzionato per comunicazione, assistenza, presidio e monitoraggio degli accessi." Ha fatto sapere, tramite Facebook, il sindaco di Sonico, Gian Battista Pasquini.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BresciaToday è in caricamento