Cronaca Centro / Via Elia Capriolo

Caffè, panini e cocaina: chiuso locale del centro storico, arrestato il marito della titolare

La misura decisa dal Questore Vincenzo Ciarambino in seguito a numerosi controlli e all'arresto, in flagranza, del marito della proprietaria

Foto d'archivio

Il Questore Vincenzo Ciarambino ha disposto la sospensione di 30 giorni della licenza al Sokhna Diarra Food di Via Capriolo, 23 a Brescia. Venerdì mattina gli agenti hanno notificato la misura alla titolare, il cui marito è finito in manette proprio pochi giorni fa per spaccio. 

Il provvedimento scaturisce dai numerosi controlli effettuati dalla Questura di Brescia, anche in collaborazione con le altre forze di polizia, a seguito dei quali gli agenti avevano riscontrato che il locale era abitualmente frequentato da spacciatori e tossicodipendenti. Erano quindi scattate le precedenti sospensioni, con la richiesta alla proprietà di fare in modo che venissero garantite le condizioni minime di legalità nella gestione del locale.

Così non è stato. Lo scorso 17 settembre la Polizia Locale ha infatti arresto, in flagranza, il marito della titolare, perché pizzicato mentre cedeva una confezione di cocaina, e deteneva ai fini dello spaccio ben altre sette confezioni avvolte in cellophane trasparente.

"Accertato che il pubblico esercizio è risultato essere abituale ritrovo di persone con pregiudizi per reati in materia di stupefacenti e tenuto conto ch il titolare del bar non si è adoperato per garantire le condizioni minime di legalità nella gestione del proprio locale, il Questore ha disposto la sospensione dell’attività per 30 giorni" scrive in una nota la Questura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caffè, panini e cocaina: chiuso locale del centro storico, arrestato il marito della titolare

BresciaToday è in caricamento