Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca Sirmione

Sgarbi stupisce tutti: “Mi candido sindaco a Sirmione”

Dimessosi da primo cittadino di Sutri, in provincia di Viterbo, il critico d'arte punta a guidare il Comune lasciato libero da Mattinzoli.

Eletto sindaco di Sutri, in provincia di Viterbo, solo due mesi e mezzo fa, il noto critico d'arte ha già presentato le dimissioni, senza abbandonare però gli intenti politici: nella primavera del 2019 si vorrebbe candidare a primo cittadino di Sirmione. 

Il Comune gardesano è senza sindaco da quando Alessandro Mattinzoli è stato eletto nel Consiglio di Regione Lombardia. Fino alla primavera 2019 rimarrà in carica solo la Giunta, dopodiché si andrà al voto, con la presenza, se nel frattempo il critico d'arte non cambia idea, di Vittorio Sgarbi.

La notizia è stata diffusa dallo stesso Sgarbi, nella giornata di ieri: «Le mie dimissioni da sindaco di Sutri sono irrevocabili per la piena consapevolezza della impossibilità di potere governare democraticamente in un paese dominato da infiltrazioni fasciste con arroganza e in mancanza di visione, subordinata a interessi particolari.  Per questo ho scelto  di candidarmi sindaco di Sirmione, città che ha bellezze non inferiori a Sutri, ma una reale propensione allo sviluppo culturale e turistico.

Ho già preso contatto con gli esponenti politici della città, fra  i quali l’ex sindaco, ora consigliere regionale, Alessandro Martinzoli, e l’assessore alla cultura della Regione Lombardia, Stefano Bruno Galli, che mi hanno manifestato solidarietà per l’aggressione di Sutri e disponibilità per il nuovo progetto».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sgarbi stupisce tutti: “Mi candido sindaco a Sirmione”

BresciaToday è in caricamento