menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Uniti nell'amore e nello spaccio, usano i figli piccoli per piazzare la cocaina

Nei guai marito e moglie di casa a Desenzano: sono stati pizzicati dai carabinieri mentre consegnavano a domicilio una dose di cocaina. Per sviare i sospetti si erano portati i figlioletti

Volevano farla sembrare una gita di famiglia, ma in realtà era una viaggio d' 'affari': una trasferta per recapitare a domicilio la cocaina. Nei guai marito e moglie: nel tentativo di evitare i controlli, si erano portati pure i figli, di nemmeno 10 anni, che hanno assisto allo scambio dai sedili posteriori della macchina.

Uno stratagemma che non ha affatto funzionato: i carabinieri di Sirmione seguivano da tempo il capofamiglia, un 33enne albanese di casa a Desenzano. Lo hanno pizzicato in flagranza proprio mentre consegnava una dose di cocaina a un cliente abituale di casa a Sirmione, che non poteva spostarsi in auto: qualche mese fa i militari gli avevano infatti ritirato la patente.

Per il 33enne sono scattate le manette. Ma nei guai è finita pure la moglie 31enne, da quanto ricostruito dai militari anche lei era coinvolta negli affari sporchi del marito. La donna è stata denunciata a piede libero. A casa delle coppia sono state trovate altre due dosi di cocaina e 2.500 euro in contanti, probabilmente frutto dell'attività di spaccio.

Pare che non fosse nemmeno la prima volta che il 33enne usasse i figli piccoli come copertura, portandoli con se durante le consegne. Per lui il giudice ha disposto gli arresti domiciliari, in attesa del processo che sarà celebrato nei prossimi mesi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento