Cronaca Sirmione

Allontanato da una donna, le brucia l’auto: poi fiamme davanti alla caserma

Sarebbe già stato individuato (e forse fermato) il piromane di Sirmione che è accusato di aver bruciato due automobili tra sabato e domenica

I carabinieri di Sirmione avrebbero già individuato (e forse anche fermato) il piromane che sabato notte è accusato di aver colpito due volte in pochi minuti, a Lugana e a poche centinaia di metri di distanza: due le automobili andate completamente distrutte, la prima nella zona del Villaggio dei Fiori e di proprietà di una donna, la seconda parcheggiata proprio di fronte alla caserma dei carabinieri di Via Verona.

Per quanto riguarda il primo rogo l'ipotesi è quella di una vendetta passionale, di un folle gesto di stalking nei confronti della donna che, chissà, potrebbe averlo rifiutato o allontanato. Ma è certo molto grave anche il movente (per ora ufficioso) del secondo rogo: non si esclude che il piromane abbia voluto dare fuoco a un'auto in prossimità della caserma quasi a voler sfidare proprio i militari.

Le ultime indiscrezioni, pubblicate da Bresciaoggi, confermerebbero l'ipotesi secondo cui il piromane notturno sia già stato fermato. Ha colpito nel cuore della notte, tra sabato e domenica, approfittando del buio e del silenzio.

Due roghi in rapida sequenza, prima in una via parallela nella zona del Villaggio dei Fiori, poi a poche centinaia di metri di distanza e solo pochi minuti più tardi. Tutto studiato nei minimi dettagli, un piano di vendetta che sembrava perfetto. Ma non si sfugge al braccio della legge.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allontanato da una donna, le brucia l’auto: poi fiamme davanti alla caserma

BresciaToday è in caricamento