Per farla finita ingoia decine di pastiglie: i carabinieri lo strappano alla morte

Durante un'eccezionale operazione contro il tempo, i carabinieri di Sirmione hanno salvato un uomo che aveva deciso di porre fine alla sua vita.

Riverso a terra, in stato di semi incoscienza, con le mani piene di pastiglie e tutto intorno scatole di psicofarmaci e antidepressivi. Questa la scena che si è presentata ai carabinieri di Sirmione, protagonisti di una straordinaria operazione contro il tempo per salvare un uomo di 50 anni. 

Il fatto è accaduto nella serata di mercoledì, 17 gennaio. A dare il via alle ricerche sono stati i parenti di un 50enne residente a Bollate, in provincia di Milano. Insospettiti dalla prolungata assenza dell'uomo, e dalla sua totale mancanza di risposta alle chiamate e ai messaggi telefonici, i parenti hanno chiamato i carabinieri del loro paese di residenza. I militari hanno coinvolto immediatamente anche i colleghi di Sirmione in quanto nel Comune gardesano la famiglia ha un appartamento utilizzato perlopiù d'estate. 

Effettivamente l'auto del 50enne è stata intercettata dalle videocamere poste nei varchi del paese, così i militari si sono recati presso il residence dove è situato l'appartamento della famiglia milanese. Una volta sul posto, il difficile è stato individuare l'esatta posizione dell'abitazione situata in uno dei sei blocchi da 50 unità ciascuno, senza cognomi - ma anonimi numeri identificativi - sui citofoni. Questo non è bastato tuttavia a scoraggiare i militari che, direttisi  verso i contatori dell'energia elettrica, hanno ottenuto qualche elemento utile, localizzando un più ristretto numero di unità abitative e individuando infine un appartamento che poteva essere quello giusto. 

Dall'interno dell'abitazione non giungeva alcun rumore né alcuna risposta, così i militari  hanno deciso di irrompere: nel soggiorno c’era un uomo steso a terra, rantolante. Tutto intorno confezioni vuote di psicofarmaci e antidepressivi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I carabinieri, guidati sul posto dal comandante Luogotenente Tobia Gregorini, sono riusciti a prestare i primi vitali soccorsi per mantenere in vita l’uomo fino all’arrivo dell’ambulanza che lo ha trasferito presso l’ospedale di Desenzano, dove infine il cinquantenne è stato definitivamente stabilizzato e rianimato. Stando alle prime ricostruzioni, un momento di minor serenità economica ed affettiva sono i motivi che avrebbero spinto l'uomo a prendere la decisione di farla finita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allarme temporali nel Bresciano: rischio concreto di supercelle

  • Porta una sedia in giardino, gli cade sopra: carotide recisa, muore a 44 anni

  • Bonus auto, via alle prenotazioni: come ottenere l'ecobonus fino a 10mila euro

  • Tempesta nella notte: frane e fiumi straripati, paese in ginocchio

  • Lago di Garda, prurito quando si esce dall'acqua: è la "dermatite del bagnate"

  • Lombardia, primo morto Covid dopo 5 giorni: un 81enne di Lumezzane

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento