Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca Sirmione

Si tuffa dalla barca e non riemerge: disperso

Con altri sei amici si trovava su un’imbarcazione presa a noleggio.

Ufficialmente è ancora “disperso”, ma le speranze di ritrovarlo in vita sono ormai pari a zero. Quella che potrebbe essere l’undicesima vittima di annegamenti nelle acque del Garda dall’inizio dell’estate è un giovane di 33 anni di origini indiane, residente a Verona. 

Assieme a sei amici, il 33enne ha preso a noleggio un’imbarcazione presso il porto di Bardolino, sulla sponda veronese del Benaco. Raggiunta la penisola sirmionese, al largo di Punta Grò (a circa 600 metri dalla riva) l’immigrato si è tuffato e non è più riemerso. Immediato l’allarme lanciato dai compagni: l’imponente macchina dei soccorsi ha fatto arrivare sul posto mezzi della Guardia Costiera, Vigili del Fuoco sommozzatori giunti da Milano, Croce Rossa, Volontari, Carabinieri, Polizia locale. 

Anche un elicottero, dall’alto, ha cercato di individuare il corpo del giovane nelle acque profonde del lago, dopodiché ha atteso invano a riva, con la speranza di poter trasportare il giovane in ospedale qualora fosse stato ritrovato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si tuffa dalla barca e non riemerge: disperso

BresciaToday è in caricamento