Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca

Il miracolo della vita non aspetta: mamma partorisce durante la corsa in ospedale

La testa della piccola Marlene è sbucata al casello di Brescia Ovest, durante il tragitto verso l’ospedale Sant’Anna di Brescia. È andato tutto bene, per fortuna

La piccola Marlene (Fonte: Facebook)

Un travaglio velocissimo, nonostante fosse la sua prima gravidanza. Non a caso in ospedale le hanno soprannominate ‘mamma flash’ e ‘bimba siluro’. È la storia di mamma Silvia Bellini, vicesindaca di Entratico (comune della Bergamasca), e della piccola Marlene: ha visto la luce a bordo dell’auto guidata dal papà Giancarlo, al casello di Brescia Ovest.

Stanno bene entrambe, per fortuna: sono al Sant’Anna di Brescia, dove la donna aveva deciso di partorire. Le prime contrazioni in piena notte, tra giovedì e venerdì: Silvia ha rispettato le indicazioni fornite durante il corso pre parto e, come suggerito da medici e ostriche, ha atteso prima di salire in auto e raggiungere l’ospedale.

Ha affrontato la prima fase del travaglio in casa, da vera sportiva: avrebbe pure fatto le scale diverse volte, proprio per velocizzare il travaglio. Ma la piccola Marlene aveva proprio fretta di nascere: un’ora dopo i primi sintomi, la coppia si è messa in viaggio per raggiungere il Sant’Anna.

La fase operativa del travaglio e pure quella espulsiva sono avvenute in macchina, come la vicesindaca ha raccontato al quotidiano Repubblica. Il compagno guidava, lei spingeva sul sedile posteriore: la testa della piccola è uscita all’altezza del casello di Brescia Ovest dell'autostrada A4. Per fortuna mancava poco all’ospedale: proprio sulla barella, all’ingresso del pronto soccorso, Silvia ha dato l’ultima e decisiva spinta e Marlene è uscita dalla pancia della sua coraggiosissima mamma.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il miracolo della vita non aspetta: mamma partorisce durante la corsa in ospedale

BresciaToday è in caricamento