Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Cazzago San Martino

Omicidio-suicidio: strangola la moglie e poi s'impicca alla ringhiera delle scale

La tragedia che sconvolge la comunità: marito e moglie trovati morti in casa

Per la prima volta da sempre, lei non si era presentata al lavoro. E i figli, appena partiti per le vacanze, che provavano e riprovavano a contattare i genitori, ma senza successo. Il triste presagio di una tragedia che nessuno avrebbe mai nemmeno immaginato. E che invece sarebbe stata studiata a tavolino, nei minimi dettagli, facendo combaciare tutti i tasselli: i figli in viaggio, i vicini di casa per qualche giorno lontani. Così si è compiuto il macabro progetto. Due vite spezzate, una famiglia nel dolore, un quartiere sotto shock.

E' la cronaca del dramma di Calino, frazione di Cazzago San Martino, al villaggio La Collina: è qui che da quasi 20 anni abitavano Shkelqim Bedeli e Shegushe Paeshti, marito e moglie (entrambi 55enni) trovati senza vita nella loro abitazione, al civico 49. A dare l'allarme uno dei figli della coppia, che come detto non riusciva a contattare i propri genitori ormai da giorni.

Il macabro ritrovamento giovedì mattina

I carabinieri della compagnia di Gardone Valtrompia sono intervenuti con i Vigili del Fuoco del comando provinciale, intorno alle 10 di giovedì mattina: l'uomo è stato trovato impiccato alla ringhiera delle scale, mentre la donna era riversa sulle stesse, legata alla ringhiera. I successivi accertamenti, in collaborazione con la Sis (la Sezione investigazioni scientifiche) e il medico legale, coordinati dal pm Alessio Bernardi, hanno permesso di verificare che il marito ha prima strangolato la moglie per poi legarla alla ringhiera, e subito dopo si è impiccato, lasciandosi cadere dal ballatoio, legandosi le mani in qualche modo così da non potersi più liberare, neanche involontariamente, per istinto.

Sul luogo della tragedia i carabinieri hanno recuperato anche due lettere, scritte al computer, una indirizzata ai figli e l'altra alle autorità. In quelle poche righe Shkelqim Bedeli avrebbe raccontato dei dissidi che l'avrebbero portato a compiere l'insano gesto: problemi di coppia, magari la gelosia. Ma non si esclude nemmeno che soffrisse di depressione, forse ancora più acuita dopo che da qualche settimana aveva perso il lavoro.

Tra orto e passeggiate, una famiglia tranquilla

Sotto shock i vicini e i conoscenti. Chi li conosceva racconta di una coppia tranquilla, e tutto sommato ancora affiata (ma forse solo in apparenza) nonostante i tanti anni insieme. Shegushe Paeshti era una gran lavoratrice: dipendente della Amadori, tornava a casa e si dedicava alle faccende domestiche, poi usciva a passeggiare, e spesso con il marito. Bedeli, che ha fatto il fabbro per una vita, era anche un grande pollice verde, coltivava il suo orto e specialmente i pomodori.

Un fulmine (quasi) a ciel sereno. I figli sono già rientrati dalle ferie. Le salme sono ovviamente a disposizione dell'autorità giudiziaria, ma non ci sarebbero ormai più dubbi in tal senso: si è trattato di un omicidio-suicidio. Restano i sigilli sulla porta, l'eco delle sirene e dei lampeggianti di giovedì mattina, le facce incredule dei pochi vicini di casa rimasti, alla vigilia di Ferragosto. Il sole è alto, e caldo: ma l'aria che si respira è fredda, freddissima.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio-suicidio: strangola la moglie e poi s'impicca alla ringhiera delle scale

BresciaToday è in caricamento