menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Orrore in famiglia: abusi sessuali sulla figlioletta della compagna

Condannato a 8 anni e 3 mesi di reclusione l'ex guardia giurata accusato di violenza sessuale su minore, nei confronti di una ragazzina appena 13enne

Stavolta è davvero la fine: la pietra tombale dell'incubo durato tanto, troppo tempo per una giovanissima bresciana, vittima – quando aveva dai 13 ai 15 anni – di violenze sessuali da parte dell'ex compagno della madre, una guardia giurata rimasto senza lavoro. I fatti risalirebbero al periodo dal 2016 al 2018: martedì si è concluso il processo di primo grado, con una condanna a 8 anni e 3 mesi di reclusione.

A raccontare (e denunciare) quanto accaduto è stata proprio la ragazzina, che tra poco sarà maggiorenne: lo avrebbe riferito prima ad un'amica che a sua volta l'avrebbe poi raccontato alla madre. La donna inizialmente non ci avrebbe creduto, per poi ricredersi. In quegli anni la figlia sarebbe stata vittima di reiterati palpeggiamenti ma anche di violenze ben peggiori.

Condannato a 8 anni e 3 mesi

“Mi obbligava ad avere rapporti orali a in cambio voleva darmi dei soldi”, è la testimonianza della giovane riportata dal Giornale di Brescia. L'uomo ha sempre negato ogni addebito: in casa, avrebbe riferito, c'erano anche altri due figli e spesso gli assistenti sociali, e nessuno avrebbe mai visto o sentito nulla. Intanto il giudice ha preso la sua decisione: 8 anni e 3 mesi per violenza sessuale su minore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento