menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scarpe e vestiti in cambio di sesso con minorenni: arrestato giovane operaio

In manette un 30enne originario della Calabria, ma da tempo domiciliato nel Bresciano: quattro i casi di violenza su minore che gli vengono contestati

Regali e favori in cambio di sesso: e non una ma due, tre e quattro volte. Tanti sono i casi accertati (per ora) e contestati al giovane operaio originario di Reggio Calabria, ma da tempo domiciliato a Brescia, accusato di prostituzione minorile, tentata violenza sessuale e atti sessuali con minori: è stato arrestato dai carabinieri, e già trasferito in carcere, nella sezione speciale della casa circondariale di Pavia.

I militari sono arrivati a lui al termine di una lunga sessione di indagini, coordinate dalla Procura di Reggio Calabria in collaborazione con i carabinieri delle compagnie di Tauranova e di Pavia. L'arrestato ha 30 anni, operaio, da qualche tempo domiciliato nel Bresciano ma originario della Locride. Tutto è nato da un'aggressione che il giovane operaio aveva subito nella primavera di due anni fa.

Sesso con minori anche a Brescia

Non se ne capiva il motivo, almeno inizialmente. Da verifiche e accertamenti, intercettazioni telefoniche e ambientali, i testimoni e le dichiarazioni delle presunte vittime, è emerso un quadro inquietante, e di chiara colpevolezza. Quattro i minori che l'uomo avrebbe adescato e con cui avrebbe portato a termine rapporti sessuali completi: di età compresa tra i 12 e i 15 anni, tre di loro residenti in Provincia di Brescia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Imprenditore bresciano stroncato dal Covid: lascia quattro figli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento