Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Serle, Mirko Franzosi: "Colpo accidentale, non volevo uccidere"

Il legale del 29enne, l'avvocato Gianfranco Abate, continua a sostenere la versione del colpo esploso accidentalmente nel corso di una colluttazione. Mercoledì l'interrogatorio di convalida dell'arresto

La scena del crimine

Si chiama Eduard Ndoj, il ladro albanese di 26 anni, con precedenti alle spalle, ucciso sabato sera a Serle (Brescia) con un colpo di fucile perché sorpreso a rubare in un'abitazione. Il fratello del padrone di casa, Mirko Franzoni 29 anni, arrestato con l'accusa di omicidio, dalla sua cella del carcere di Canton Mombello continua a ripetere che non voleva uccidere.

"Quando ha visto il ladro gli ha detto di fermarsi, questo è scappato su una grondaia e Franzoni lo ha obbligato a scendere. Poi ha provato a bloccargli la strada con il fucile e nella colluttazione è partito accidentalmente un colpo", ha spiegato il legale del 29enne, l'avvocato Gianfranco Abate.

Mercoledì è in programma l'interrogatorio di convalida dell'arresto davanti al Gip Paolo Mainardi, mentre il pm della Procura di Brescia Francesco Piantoni ha disposto, sempre per mercoledì, l'autopsia della giovane vittima. Fondamentale al fine di ricostruire quale siano state la distanza dello sparo e la posizione reciproca di Franzoni e del ladro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serle, Mirko Franzosi: "Colpo accidentale, non volevo uccidere"

BresciaToday è in caricamento