Cronaca Serle

Iushra, ricerche per altre 48 ore: "Abbiamo paura sia finita in un cunicolo"

Confermato il dispositivo di ricerca per la piccola Iushra, scomparsa da giovedì scorso: 285 operatori e volontari al lavoro almeno fino a martedì

Proseguiranno ancora, senza sosta e con lo stesso dispositivo di uomini e mezzi, almeno per altre 48 ore le ricerche della piccola Iushra Zannatul Gazi, la ragazzina di 11 anni di cui non si hanno notizie da giovedì scorso, quando si è allontanata tra i sentieri dell'Altopiano di Cariadeghe a Serle, un'area di quasi 500 ettari e a quasi un migliaio di metri di altitudine.

Almeno fino a martedì a mezzogiorno si continuerà a cercare con 285 operatori tra tecnici e volontari, giorno e notte, per portare a termine un rastrellamento a tappeto dell'intera area, lavorando dai lati fino a raggiungere il centro. Grandi numeri: per intenderci in contemporanea operano fino a una quarantina di squadra, e in loco ci sono rocciatori, sommozzatori, specialisti, perfino 40 spelelologi.

Ma il tempo passa inesorabile: martedì pomeriggio si vedrà il da farsi. In caso di esiti nuovamente negativi delle ricerche, non si esclude che il dispositivo schierato in campo fino ad oggi possa essere numericamente ridotto. Sono confermati per il momento anche i droni e gli elicotteri, in sorvolo con il chiaro e con il buio, attrezzati con visori e termocamere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Iushra, ricerche per altre 48 ore: "Abbiamo paura sia finita in un cunicolo"

BresciaToday è in caricamento