Speleologa ferita: iniziate all'alba le operazioni di salvataggio

La donna, Anna Bonini, 36enne di Brescia, è bloccata in una grotta a 250 metri di profondità. E' ferita ad una gamba e, a causa della difficoltà nei soccorsi, ha dovuto trascorrere la notte nella grotta 'Omber del bus del zel' di Cariadeghe di Serle

Sono cominciate con le prime luci dell'alba le operazioni per il salvataggio di Anna Bonini, la speleologa di 36 anni rimasta ferita, ieri, durante una discesa in grotta a Serle. Sul posto uomini del soccorso alpino e speleologico, dei vigili del fuoco e del 118 di Brescia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

FINE DEI SOCCORSI: LA SPELEOLOGA SI TROVA ORA ALLA POLIAMBULANZA



L'incidente è avvenuto nell'antro denominato 'Omber del bus del zel' di Cariadeghe di Serle, che si sviluppa per circa 20 chilometri con un dislivello di 400 metri.

IL PRIMO RACCONTO DEI SOCCORRITORI: "ANNA E' TRANQUILLA E STA BENE"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si sente male nel suo locale, ristoratore bresciano muore mentre sta lavorando

  • Travolta in allenamento, è morta Roberta Agosti: era la compagna di Marco Velo

  • Esce a buttare lo sporco e non torna: scomparsa giovane mamma bresciana

  • Bimba travolta e uccisa sulle strisce: l'automobilista si è costituito

  • Intrappolato nel sottopasso, ragazzo di 30 anni rischia di annegare in auto

  • Coronavirus in provincia di Brescia: i contagi Comune per Comune

Torna su
BresciaToday è in caricamento