Cronaca Viale Regona

Nella Bassa Bresciana, 50 anni dopo, torna il falco di palude

La straordinaria scoperta nella palude di Gabbioneta, tra Pralboino e Ostiano: una coppia di falchi, inediti da quasi mezzo secolo, che ha nidificato nei pressi del Parco Oglio Nord

Un esemplare di falco di palude

La palude di Gabbioneta, tra Pralboino, Regona di Seniga e Ostiano. Nel cuore della Bassa un piccolo e inatteso miracolo ‘ambientale’: a più di 40 anni dall’ultimo avvistamento, gli ornitologi locali hanno scoperto un nido di una coppia di falchi di palude.

Un uccello stanziale, diffuso in Europa, in Asia e in Africa. In Italia solo nidificazioni rare e sparse, in prossimità di acquitrini e appunto paludi: i nuclei più folti sono in Salento, in Calabria e Sardegna. Un tempo assai diffusi anche in Pianura Padana.

Il primo avvistamento qualche giorno fa, da parte di due guardie del Parco dell’Oglio Nord. Poi la ‘palla’ a Mario Caffi, noto ornitologo locale, che ha poi individuato il nido. Cinque uova che si sono già schiuse: e cinque piccoli falchetti che, se ben protetti, potrebbero dare il via ad una nuova dinastia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nella Bassa Bresciana, 50 anni dopo, torna il falco di palude

BresciaToday è in caricamento