Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Le forze libiche sparano contro la Sea Watch: "Nessuno si giri dall'altra parte"

Donatella Albini, capogruppo in Loggia di 'Sinistra a Brescia': "Serve una presa di posizione forte del governo, nessuno si giri dall’altra parte"

"L'equipaggio della nave AlanKurdi è in questo momento minacciato dai libici": è l'allarme lanciato su Twitter da Alarm Phone e Gorden Isler, presidente di Sea Watch Italia, verso le 14.25 di sabato. "Ci minacciano con armi da fuoco - continua il messaggio -. Alcune persone sono in acqua. 92 persone e 17 membri dell'equipaggio sono in pericolo di morte".

La notizia è stata poi rilanciata da Mediterranea Saving Humans: "La AlanKurdi sta venendo minacciata in questo momento dalla Guardia Costiera libica con l’utilizzo di armi da fuoco. Le navi libiche hanno circondato la nave per impedire il salvataggio di 92 vite, alcune persone in acqua, con 17 membri dell’equipaggio stanno rischiando la vita". 

La situazione sembra essersi sbloccata dopo circa due ore: equipaggio e migranti sono ora in salvo a bordo. Pare che le forze libiche abbiano esploso colpi di arma da fuoco, ma nessuna persona è rimasta ferita: "La milizia ha sparato in aria e in acqua verso le barche, mettendo in serio pericolo la vita delle persone. I libici hanno poi lasciato l’area, ma una seconda imbarcazione è stata rapita da loro", scrive ancora Sea Watch Italia.

Sul caso è intervenuta anche Donatella Albini, capogruppo in Loggia di "Sinistra a Brescia", che ad agosto aveva partecipato a una missione di Mediterranea in qualità di medico, in cui erano state salvate 98 persone tra cui 26 donne e 22 bambini: "Nonostante si sia alla vigilia di un’elezione, serve ora una presa di posizione forte del governo che restituisca umanità e autorevolezza al nostro paese, anche col rischio di perdere qualche voto, ma con la certezza di salvare vite. Nessuno si giri dall’altra parte".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le forze libiche sparano contro la Sea Watch: "Nessuno si giri dall'altra parte"

BresciaToday è in caricamento