Cronaca

Le scuole bresciane tra accorpamenti e nuovi indirizzi

La provincia di Brescia annuncia una vera e propria rivoluzione per l'anno scolastico 2015/2016: accorpamenti a norma di legge in città e nelle valli, tanti nuovi indirizzi di studio per le scuole provinciali

Le scuole bresciane si preparano ad una piccola grande rivoluzione. Come annunciato infatti dal comitato scolastico gestito dalla Provincia la stagione 2015/2016 sarà quella dei grandi cambiamenti, e non solo in città. Molti di questi saranno scelte obbligate, a causa della legge nazionale che prevede un minimo di 600 studenti per ogni istituto comprensivo.

In città nascerà dunque il comprensivo Sud 3, che accorperà a sé i 273 alunni del Sud 1. Sempre a Brescia la fusione dei due istituti ora noti come Est 1 e Est 2: il primo infatti manco raggiungeva la quota dei 500 iscritti. Tanti accorpamenti anche in provincia: in Valcamonica Borno e Cividate Camuno, insieme circa 750 studenti, in Valsabbia Prevalle e Villanuova, per 1250 ragazzi. In direzione contraria solo Montichiari, dove dall’unico comprensivo da oltre 2300 studenti si passerà a un doppio istituto, da 1150 circa ciascuno.

Novità in vista sugli indirizzi di studio. A Brescia cambio in corsa solo al Golgi, che dal 2015/2016 offrirà anche l’indirizzo turistico. Ben più ‘rumorosa’ la situazione in provincia: dal Pascal di Verolanuova che guadagna il sociosanitario al Battisti di Salò in cui ci si diplomerà anche in chimica. Tra i licei la novità delle scienze umane al Cossali di Orzinuovi, o dello scientifico con scienze applicate del Golgi di Breno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le scuole bresciane tra accorpamenti e nuovi indirizzi

BresciaToday è in caricamento