Domenica, 20 Giugno 2021
Cronaca Via Bianchini

Mazzano, ristrutturare la scuola costa 5 milioni: «Costruiamone un’altra»

Il Comune ha dato il via all'iter progettuale per la ristrutturazione e l'ammodernamento della scuola primaria di Via Bianchini: costo complessivo di 4,5 milioni di euro. L'Associazione Aurora: "Meglio costruirne un'altra"

L'ingresso della scuola media di Via Bianchini

Una scuola da ristrutturare e da ampliare, per rispondere alle esigenze di quella frazione che più è aumentata per numero di abitanti negli ultimi anni: il Comune di Mazzano ha ufficialmente dato il via all’iter che prevede “la progettazione definitiva della prima fase dei lavori di recupero e di ampliamento” per la scuola primaria ‘Cesare Abba’ di Molinetto, in un’area di circa 9mila mq composta dallo storico edificio scolastico, da un ‘nuovo’ edificio in cemento armato aggiunto all’inizio degli anni ’80, da uno spazio dedicato alle attività e ovviamente da un’area dedita invece al parcheggio. Costo complessivo dell’operazione di ammodernamento circa 4,5 milioni di euro, da suddividere negli anni 2013 e 2014 e comprensivi delle spese di abbattimento (circa 2 milioni) di quell’edificio ormai trentennale ma che più non risponde “alle necessità attuale”, pronto ad essere sostituito da “un nuovo edificio prefabbricato”.

Un’operazione in grande stile, ma anche in grande costo: questa l’opinione dell’Associazione Aurora che in apposito documento ha elencato quelle che sarebbero le criticità già presenti ma che rimarrebbero comunque irrisolte. Problemi di accesso e di viabilità, “ben noti problemi che si verificano all’ingresso e all’uscita delle lezioni, il lento defluire degli automezzi, i notevoli rallentamenti” con le aule del vecchio e storico edificio che “si affacciano sulla trafficata strada provinciale Due Porte-Padenghe”, così trafficata da rendere impossibile “tenere aperte le finestre durante le lezioni, a causa del rumore e dell’inquinamento”. Oltre a questo il progetto comunale prevede la realizzazione di una nuova palestra, di circa 600 mq, ma che, edificata a ridosso delle abitazioni esistenti, “andrebbe ad occupare buona parte della già esigua area verde”.

Il solito partito del no? Niente affatto. “Evitiamo le solite battaglie – spiegano ancora da Aurora – e proponiamo, a parità di costi, una soluzione alternativa. Come si dice in questi casi, una proposta costruttiva”. Nel vero senso della parola, perché nel documento (una decina di pagine) sono già presenti progetto e ubicazione ipotetica di un nuovo edificio scolastico: “Se è comprensibile e condivisibile l’urgenza di trovare soluzioni per la mancanza di spazi alla scuola primaria di Molinetto, è al contempo opportuno guardare ad eventuali soluzioni alternative”.

Ecco dunque l’ipotesi di un nuovo plesso scolastico, localizzato “in un’area di proprietà comunale tra Via Bianchini e Via Mazzini” per una superficie complessiva di circa 11mila mq. In grado di “individuare una molteplicità di soluzioni” per le criticità precedentemente elencate, dalla viabilità appunto al traffico, perché Via Mazzini “è ben poco trafficata”. Senza intaccare le aree verdi, perché la realizzazione di una nuova palestra “è tutta da valutare”, anche considerando “la possibilità di utilizzare il Palazzetto dello Sport da raggiungere mediante percorso in sicurezza, facilmente realizzabile”.

E del vecchio ‘blocco’ scolastico che si fa? “A ulteriore vantaggio economico, gli attuali edifici del plesso di Molinetto resterebbero nelle disponibilità della comunità di Mazzano, per usi o destini da stabilirsi". Biblioteca o sala prove, sede associativa o sala conferenze: e chi più ne ha, più ne metta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mazzano, ristrutturare la scuola costa 5 milioni: «Costruiamone un’altra»

BresciaToday è in caricamento